portale culturale e turistico per Genova e la Liguria
 
presentazione_01.jpg
1861-2011 Anniversario Unità Italia

"Tricolore Mameli - 1847"

separatore cerca nel sito e nel web con google cartoline elettroniche due minuti e mezzo separatore link a Museo Virtuale Nino Besta separatore link a pegli.com link a villapallavicini.info link al Comitato per la Difesa di Pegli e del suo Territorio link a Fin All Serramenti link all'Archivio della Toponomastica Ligure link a ghe.ra. separatore

p.i. 03851470108

separatore Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!
 
Rappresenta il percorso storico attraverso la Genova un po' meno conosciuta pur rimanendo di rilevante interesse.

percorso 2 - Da Piazza Dante a Via delle Grazie

Porta Soprana Il punto di partenza è Piazza Dante [1]. Rivolgendo lo sguardo ad (O) si nota una stretta rampa alla cui destra sorge la Casa di Colombo [...], seguita da un piccolo tempietto, alla fine della salita è ubicata l'imponente Porta Soprana [...].

Attraversata la porta cittadina il percorso si addentra nei vicoli, passando per Salita del Priore e Via S. Donato [2], fino a giungere in uno slargo ove sorge la chiesa di S. Donato [...].

Proseguendo lungo Stradone S. Agostino, si arriva in Piazza Sarzano [3], dove si può accedere al Museo di Architettura e Scultura Ligure [...].

L'itinerario continua lungo Via S. Croce, Salita S. Maria di Castello [4] e l'omonima piazza dove sorgono S. Maria di Castello [...] e la Torre degli Embriaci [...].

Seguendo il carruggio a (N-O) si arriva in Via delle Grazie [5], concludendo il percorso con S.S. Cosma e Damiano [...].

separatore

Casa di Colombo L'edificio originale, ove visse in gioventù il grande navigatore, è stato distrutto dai bombardamenti navali di Luigi XIV (1684). La ricostruzione è del fine del 1600.

separatore

Porta Soprana Anche note come Porta di S. Andrea. Parte integrante delle mura cittadine medievali (1155-1160). Sono visitabili.

separatore

La struttura orignale risale al XI secolo, le prime modifiche volte ad ampliarne la capienza vengono apportate tra il XII ed il XIII secolo. Il portale risale al XIII secolo, invece il rosone e gli archetti del campanile sono molto più recenti (1888). L'interno è a tre navate con due tipi di colonne in granito ed in marmo. La navata centrale riporta delle decorazioni del Canzio. All'interno sono custodite: una tela del Piola, alcuni affreschi di Nicolò da Voltri e l'Adorazione dei Magi di Van Cleve ora spostata nella Galleria di Palazzo Spinola.

separatore

La chiesa è in stile gotico con facciata a bande bianche e nere, come già riscontrato in numerosi altri edifici. La realizzazione si deve agli Ermitani di S. Agostino. Successivamente viene sconsacrata ed assiste all'elezione del primo Doge perpetuo Simon Boccanegra. Numerosi sono i danni che riporta nella seconda guerra mondiale. Splendido è il campanile con bifore e quadrifore ma specialmente significativa è la copertura in maiolica policroma di Albisola. Del complesso originale, comprensivo del monastero e due chiostri, è andato parzialmente perduto il chiostro quadrangolare, resta quello triangolare. Oggi la struttura è adibita a Museo di Architettura e Scultura Ligure.

separatore

La chiesa si colloca in un'area probabilmente coincidente con il nucleo più antico della città. Le prime notizie relative sono datate intorno alla metà del VI secolo. Verso l'anno 1000 viene riedificata ma, l'attuale aspetto si deve ai lavori del XII secolo. Nel 1442 i domenicani effettuano significative modifiche strutturali aggiungendo anche tre chiostri ed un convento. Nonostante i numerosi interventi, lo stile rimane chiaramente romanico. Le opere custodite sono: affreschi di Bernardo Castello, l'Apparizione di Maria Vergine del Grechetto, l'Annunciazione, un altra Annunciazione di G. Mazone e circa 2000 libri compreso il corale miniato di scuola bolognese del XIII secolo.

separatore

Costruita da Guglielmo Embriaco liberatore di Gerusalemme. La torre è l'unica ancora integra. Per i meriti della famiglia, il Comune decise di risparmiarla dall'abbassamento forzato imposto a tutte le altre.

separatore

La struttura risale almeno al XI secolo, lo stile ancora riconoscibile è romanico. Notevoli sono i danni del bombardamento del 1648 e della seconda mondiale. La chiesa custodisce: il sepolcro della Corporazione dei Chirurghi e Barbieri, alcune opere di Bernardo Castello e una pala lignea dell'Assereto.