portale culturale e turistico per Genova e la Liguria
 
immagine di presentazione
1861-2011 Anniversario Unitā Italia

"Tricolore Mameli - 1847"

separatore cerca nel sito e nel web con google cartoline elettroniche due minuti e mezzo separatore link a Museo Virtuale Nino Besta separatore link a pegli.com link a villapallavicini.info link al Comitato per la Difesa di Pegli e del suo Territorio link a Fin All Serramenti link all'Archivio della Toponomastica Ligure link a ghe.ra. separatore

p.i. 03851470108

separatore Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!
 
titolo Balilla - Giambattista Perasso
          l'eroe popolare della rivolta di Portoria


Monumento al Balilla a Genova Giambattista Perasso noto come il Balilla č una figura eroica popolare della storia genovese. L'evento che lo vede protagonista si inserisce in un quadro storico funesto per Genova.

Nel 1740, alla morte di Carlo VI°, alla figlia Maria Teresa, sicura di succedere al padre sul trono imperiale, viene preferito il Duca di Baviera (Carlo VII°).

Il 13 settembre 1743, con il trattato di Worms, il Marchesato di Finale, giā acquistato dalla Repubblica di Genova nel 1713, viene promesso da Maria Teresa al Regno di Sardegna.

La Repubblica si vede costretta a firmare l'Alleanza di Aranjuez (1 maggio 1745) con Francia, Spagna e Napoli in difesa dei propri diritti violati a Worms.

Allo scoppio delle ostilitā si registra una serie di successi delle truppe francesi, spagnole e napoletane. La sconfitta di Piacenza, 16 giugno 1746, ferma l'avanzata degli alleati e inverte le sorti della guerra. Le truppe franco-spagnole riparano a Genova per poi abbandonarla proseguendo la ritirata. La cittā resta indifesa.

Il 4 settembre 1746 gli austriaci sono a San Pier d'Arena (Sampierdarena).

Le trattative diplomatiche con il Generale Brown risultano vane. Il 6 settembre 1746 la situazione giā critica precipita con l'arrivo del Marchese Antoniotto Botta Adorno. Nonostante appartenga al patriziato genovese, nutre forte rancore per ragioni familiari nei confronti della Repubblica. Il Marchese, evidentemente accecato dall'odio, avanza richieste umilianti ed economicamente esosissime.

Le pretese eccessive, l'occupazione dei punti chiave di Genova, il tentativo di sottrarre le artiglierie cittadine e il comportamento delle truppe, portano, il 5 dicembre 1746, alla rivolta popolare.

Lapide del Balilla a Genova L'insurrezione scoppia a Portoria. Un mortaio genovese in mano agli austriaci rimane impantanato durante il trasporto. Le truppe d'occupazione, con la forza, vogliono costringere i passanti a liberare il pezzo d'artiglieria. Lo sdegno e l'ostilitā della popolazione si concretizza nel gesto del Balilla che al grido "che l'inse?" scaglia la prima pietra di una fitta sassaiola. Le truppe sono costrette ad una fuga precipitosa dovendo abbandonare il cannone.

Nei giorni seguenti si alternano scontri a tregue e trattative diplomatiche.

Statua del Balilla a Genova La sollevazione dei genovesi costringe Botta Adorno ad abbandonare la cittā riparando a Novi. Il successivo tentativo di tornare a Genova viene prontamente contrastato costringendo il Marchese a rifugiarsi nuovamente a Novi.

Nel febbraio del 1747, il Marchese Antoniotto Botta Adorno che tradendo la Patria d'origine volle umiliare l'intera cittā di Genova, viene ripagato con ugual moneta subendo l'umiliazione della sostituzione al comando delle truppe.

Successivamente, anche il nuovo comandante Schulembourg tenta invano la presa di Genova.

Con la pace di Aquisgrana (18 ottobre 1748) ha termine il conflitto e la Repubblica mantiene il controllo sul Marchesato di Finale.

Ghe.Ra. autore
05 03 2006 data inserimento